Uve Montepulciano e Cerasuolo d’Abruzzo DOC

Vino rosato ottenuto dalle stesse uve del Montepulciano d’Abruzzo, vinificate limitando il periodo di fermentazione in presenza di bucce a poche ore

 

Ottenuto da uve Montepulciano d’Abruzzo, vinificate in bianco oppure limitando il periodo di fermentazione in presenza di bucce a poche ore, il Cerasuolo d’Abruzzo mostra il caratteristico colore ciliegia, detta appunto cirici, cirice o cirasce in dialetto abruzzese.

 

Caratteristiche organolettiche del vino

Il Cerasuolo d’Abruzzo DOC è un vino molto particolare e diverso dai rosati prodotti nel resto d’Italia: fresco, per via della giusta acidità – che si colloca normalmente tra i 5,5 e i 6 g/l – e con un buon tenore alcolico, vista la gradazione tipica che oscilla tra i 12 e 13 % vol.

Il patrimonio di sostanze antiossidanti proprie del vitigno da cui lo si ottiene – il Montepulciano d’Abruzzo – ne fanno, infine, un vino che mantiene inalterati i suoi profumi e il suo colore caratteristico per tutto l’anno.

Colore rosa ciliegia, più o meno carico
Odore gradevole, finemente vinoso, fruttato, fine e intenso
Sapore secco, morbido, armonico, delicato con retrogusto gradevolmente mandorlato
Download  Disciplinare Cerasuolo d’Abruzzo DOC in pdf